Home Attività Chi siamo Contattaci Galleria
Home
Attività
Chi siamo
Contattaci
Galleria
 


>>  Sportello di Ascolto per il Cittadino


"Accostatevi a lui, pietra vivente, rifiutata dagli uomini, ma davanti a Dio scelta e preziosa"  (I Pietro 2,4)



La nostra Chiesa si trova in via Duomo 275, angolo via dei Cimbri, nei pressi della fermata della metro Università, linea 1




Annunci

*Domenica 26 Luglio, il culto sarà tenuto dal past. Franco Mayer.

*Domenica 02 Agosto, il culto sarà tenuto dal nostro pastore Leonardo Magrì.

*Domenica 09 Agosto, il culto sarà tenuto dalla pastora Thesie Muller.

*Domenica 16 Agosto, il culto sarà sospeso.

*Domenica 23 e domenica 30 Agosto, i culti saranno a cura del fratello Enrico Petito.



pastore Leonardo Magrì
@e-mail  081264510 













"
Ditelo nella luce" la nostra circolare

Anno 2 - Numero 1
 
download!



 

Migranti, "dopo denunce e video sfrattati i profughi di Terzigno"

Corriere del Mezzogiorno, 28 Luglio 2015

L’Associazione3Febbraio annuncia un corteo alla Prefettura per 18 immigrati che avevano denunciato le pessime condizioni dell’accoglienza e hanno perso l’alloggio

«Questa mattina, 18 dei richiedenti asilo ospitati a Terzigno sono stati buttati in mezzo alla strada senza preavviso e senza un’ospitalità alternativa», denuncia l’Associazione3Febbraio sul suo sito web diramando una nota alla stampa, «dietro ordinanza del Prefetto di Napoli. I 18 provenienti da diversi Paesi africani - continua la nota - avevano tutti partecipato a manifestazioni e assemblee per chiedere il permesso di soggiorno. Solo a questi 18, tra tutti gli ospiti della struttura di accoglienza, è stato notificato il decreto con cui l’accoglienza viene revocata».

"Comportamenti violenti" Il provvedimento prefettizio è motivato sulla base comportamenti violenti tenuti dai 18 nella data del 19 luglio all’interno della struttura: «Avrebbero assunto “atteggiamenti minacciosi e violenti” e procurato “lesioni a due operatori” - commenta 3Febbraio -. Ma rigettiamo tali affermazioni: molti dei 18 non erano in hotel quel giorno: uno di loro, ad esempio, si trovava ad una messa in una chiesa protestante e il pastore si è già detto pronto a testimoniare in suo favore». Ai 18, inoltre, sostiene l’Associazione3Febbraio, sarebbe già stato intimato di starsene tranquilli «dopo che nostre inchieste avevano rivelato le indegne condizioni dell’accoglienza».

"La denuncia de La Stampa" Inchieste corredate di video-denunce pubblicate recentemente, in particolare, sul sito web de La Stampa. Nel video in questione uno dei 120 migranti ospitato nella struttura di prima accoglienza riprende col proprio cellulare «le stanze più intime». «Il centro in questione riceve circa 28 euro al giorno dallo Stato per ciascuno degli ospiti. Il proprietario della struttura sottolinea, però, che i pagamenti sono tardivi» scrive La Stampa.

"Il business dell’accoglienza" Questione spinosa che assume tutti i tratti del giallo, insomma, quando ben altre inchieste, ricorda l’Associazione3Febbraio, hanno già svelato il grosso business dell’accoglienza in auge nella capitale. L’Associazione3Febbraio parla di ingiustizie che i 18 subirebbero quindi dopo «proteste e denunce sulle condizioni dell’accoglienza di Stato (accoglienza per la quale gli hotel prendono circa € 15.000 all’anno per ogni profugo)». L’assocazione sostanzialmente chiede una verifica approfondita alla Prefettura. ... continua



La Chiesa cristiana del Vomero ospita i migranti espulsi da Terzigno

NEV

Roma (NEV), 29 luglio 2015 – I valdesi e i metodisti del Vomero, il quartiere collinare di Napoli, hanno aperto le porte del loro locale di culto a 15 richiedenti asilo espulsi dal Centro di accoglienza di Terzigno (NA) e lasciati ieri pomeriggio in mezzo alla strada, senza poter contare su un'ospitalità alternativa. “Quando è stato chiaro che non c'erano altre possibilità, abbiamo messo a disposizione la nostra chiesa, in attesa di una sistemazione più consona e definitiva”, ha spiegato all'agenzia stampa NEV Dorothea Müller, pastora della chiesa cristiana del Vomero (valdese) e della chiesa metodista di Napoli, che da tempo segue la situazione dei richiedenti asilo ospitati a Terzigno, presso Villa Angela.

“Questa vicenda inizia quando, alcune settimane fa, in un'assemblea dell'Associazione '3 Febbraio', si è deciso di costituire dei piccoli gruppi per visitare i diversi centri di accoglienza e di monitorare la qualità della loro ospitalità”. La delegazione di cui faceva parte anche la pastora Müller, si è quindi recata a Terzigno: “Il gestore del centro ci ha mostrato la sala della mensa, ma ci è stato impedito, anche fisicamente, di visitare le camere degli ospiti. Siamo stati allontanati e per farci andar via il responsabile ha chiamato i carabinieri che hanno preso i nostri dati”. Successivamente a questa visita, un giovane ospite di “Villa Angela” ha ripreso con il telefonino le camere e i bagni del centro, documentandone il degrado (un 
video è disponibile sul sito de La Stampa). Dopo questi due fatti, con una tempistica che si potrebbe definire sospetta, è partita una denuncia del gestore del Centro di accoglienza contro 18 richiedenti asilo africani, accusati di “minacce e violenze” e di aver procurato “lesioni a due operatori”. Da qui l'ordinanza di espulsione del Prefetto che ieri ha “revocato le misure di accoglienza” nei loro confronti, lasciandoli in mezzo alla strada. “Questa vicenda deve avere un altro finale”, ha detto la pastora Müller che questa mattina ha partecipato a un incontro in Prefettura per chiedere che le accuse che hanno determinato l'espulsione dal Centro siano debitamente verificate. ... continua

Home | Attività | Chi siamo | Contattaci | Galleria
Site Map